busito-giusta-2

Chi meglio dei nostri alumni potrebbe descrivere la realtà di JEME Bocconi Studenti? Abbiamo perciò deciso di condividere alcune storie di alumni che sia durante il loro percorso in JEME sia durante la loro carriera hanno rappresentato esempi di eccellenza e successo, valori che la nostra organizzazione stimola a far crescere nei nostri associati.

Francesca Busuito

Quale è stato il tuo percorso in JEME? 

In realtà sono entrata in JEME in modo casuale: alcuni amici avevano deciso di partecipare alla presentazione del recruiting, mi sono aggregata, più che altro per comodità logistica/organizzativa. Non potevo immaginare quanto quella giornata avrebbe cambiato la mia vita professionale! Mi sono immediatamente innamorata di JEME, amore che è cresciuto sempre di più con la vita associativa. Ho ricoperto i ruoli di Vicepresidente e Presidente,  proprio durante la mia presidenza abbiamo organizzato le celebrazioni per il ventennale dell’associazione, è stato un grande privilegio. I miei ricordi più belli del periodo universitario sono legati all’associazione, l’ufficio, i progetti, le riunioni, ma soprattutto i momenti con i Jemini, persone che l’associazione mi ha fatto incontrare e che sono ancora oggi tra i miei più cari amici.

 

Quale è stato il tuo percorso dopo l’università? 

Studiavo legge e vivere l’associazione mi ha fatto capire cosa volessi davvero “fare da grande”: non più diventare avvocato, bensì intraprendere carriera manageriale. Sognavo un ambiente di lavoro che ricreasse quel clima vissuto in JEME: entusiasmo, imprenditorialità, colleghi stimolanti. Finita l’università sono entrata in Procter & Gamble, dove mi sono occupata di business development,  sales e trade marketing per oltre 7 anni. Ora ho iniziato una nuova avventura come responsabile Product & Trade Marketing APAC in Moleskine, trasferendomi nella sede regional di Hong Kong.

 

In che modo pensi che JEME ti abbia aiutato/preparato per il tuo percorso nel mondo del lavoro? 

JEME è stata fondamentale per la mia crescita professionale. Innanzitutto, come raccontato, mi ha fatto capire quale tipo di carriera volessi: dopo  la teoria universitaria, l’opportunità di sperimentare il mondo lavorativo, cimentandosi anche in ruoli diversi. Inoltre, JEME è stato un vero learning by doing, in cui sviluppare concretamente anche le soft skills, dal team building, al problem solving, alla proattività e ownership (considerando il mio background da giurista, è senza dubbio grazie a JEME che non ho avuto difficoltà ad affrontare i colloqui in azienda). Un ulteriore punto è il preziosissimo network: Jemini e Alumni, conosciuti di persona o meno, creano un legame speciale, una rete di supporto su cui poter sempre far riferimento.

Non posso che consigliare di viversi il più possibile l’associazione e tutto ciò che offre, è davvero un’opportunità unica e di incommensurabile valore. Ci sono migliaia di studenti con simili percorsi di laurea e esami sostenuti, ciò che veramente fa la differenza, è l’aver accresciuto il proprio percorso unviersitario con quante più esperienze possibili. Una grandissima ricchezza professionale, ma  anche personale, che resta per la vita.

Progetti più recenti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca